La Grotta

Buca delle fate di Coreglia

Tipo di cavità grotta
Stato Italy
Provincia 230
Comune Coreglia Antemilelli
Località Torrente Segone
Numero catastale 141/T/LU
Sviluppo totale 1160
Dislivello -10
Gruppi GSF
Longitudine 1°55’42” W
Latitudine 44°02’45” N
Quota 260 m slm
Cartografia 97 III SO
Geologia
Brevi cenni descrittivi Il nuovo ramo parte da una delle salette situate in prossimità del vecchio termine della grotta. Uno stretto cunicolo sulla destra porta ad una condotta che sfocia in una grande (per Coreglia si intende) galleria. Verso valle la galleria porta ad incontrare il torrente che si sente rumoreggiare in diversi punti della grotta sensa mai riuscire a vederlo. Pochi metri e il torrente si getta in un laghetto senza sbocco. Verso monte, invece, la galleria continua, alta sino a 4 m., per una cinquantina di metri sino a che il soffitto si abbassa quasi al pelo dell’acqua di una pozza stagnante. Nei periodi di magra è possibile passare al di la di questo pseudo sifone, immergersi completamente nell’acqua, raggiungendo cosi un torrentello (lo stesso che si incontra seguendo l’altra diramazione) che provenendo da una piccola galleria si infila in una piccola fessura laterale. Risalendo, la galleria si fa piu ampia e prosegue con qualche svolta sino ad un nuovo pseudo sifone anch’esso superabile grazie a qualche cm di aria libera. La galleria continua per altri cento metri sino ad un sifone vero e proprio da cui esce il torrentello. Tutta la grotta è scavata nella formazione della “Maiolica” qui particolarmente ricca di noduli di selce. Le nuove gallerie seguono l’andamento generale della grotta, che è legato a fratture con orientamento NW-SE. E’ probabile che il torrente che scorre in questa diramazione provenga da perdite situate nel rio della Foresta, affluente del rio Dezza, mentre si può escludere un qualche rapporto con il vicino torrente Segone. Lo sviluppo spaziale delle nuove gallerie è di 250 metri, il che porta lo sviluppo totale di questa grotta a circa 1000 metri e forse piu(purtroppo mancano dati attendibili sullo sviluppo reale della parte gia nota della grotta, ma in base al rilievo esistente si può stimare in circa 850 metri). Va precisato che il punto di attacco del nuovo rilievo con il vecchio non è sicuro poiche il rilievo esistente non permetteva una precisa individuazione del punto di inizio del nuovo ramo.
Itinerario di accesso
Da Lucca in direzione di Castelnuovo Garfagnana, a circa metà strada seguire le indicazioni per Barga, prima di arrivare a Barga indicazioni per Coreglia Anteminelli. Poco prima di entrare nel paese di Coreglia, su una curva a Sinistra -dove si lasciano le macchine- parte una stradina a destra (poco piu di una “Viottola” chiusa da una sbarra) che porta in venti minuti al fiume in fondo alla valle. Qui si trova il deposito dell’acquedotto, si attraversa il fiume e seguendo le tracce di sentiero si arriva all’ingresso della grotta.(cinque minuti).